Navigazione con access keys

Internet non è una terra senza legge, dove tutto è permesso. In rete, i bambini e i giovani possono cadere vittime di atti punibili (bullismo, molestie sessuali, ecc.), ma anche essere loro stessi a infrangere la legge. La regolamentazione dei media e di Internet è una grande sfida. Disponibili sempre e ovunque, le tecnologie digitali si evolvono in modo rapido e costante. Per una protezione (e autoprotezione) efficace dei bambini e dei giovani è indispensabile che tutti siano in grado di fare un uso responsabile dei media, di valutarne i rischi e di reagire correttamente in caso di problemi. Le pagine di questa rubrica vi informano sulle discussioni politiche per migliorare la protezione della gioventù dai rischi dei media, sulle normative in vigore per quanto riguarda i film, i videogiochi, la radio, la televisione e le telecomunicazioni e sulle diverse possibilità di azione penale.
Interventi parlamentari

Dibattito politico sulla protezione dei giovani dai rischi dei media

I rischi cui sono esposti i minorenni nell'utilizzo di Internet e dei media digitali d'intrattenimento sono oggetto di grande considerazione da parte del mondo politico e dell'opinione pubblica. Lo dimostrano i dibattiti svoltisi in Parlamento: dalla metà degli anni 2000 sono stati depositati oltre 70 interventi in materia, gran parte dei quali chiedeva di rafforzare le misure di protezione sia in ambito educativo che regolamentativo.

Leggi tutto 

Reati perseguibili

Che cosa è punibile sulla rete?

Internet non è una terra senza legge, dove tutto è permesso. Non solo gli adulti, ma anche i bambini e giovani possono commettere un reato su internet - intenzionale o involontario. Le principali disposizioni del diritto federale in materia di protezione dell’infanzia e della gioventù dai rischi dei media sono contenute negli articoli 135 e 197 del Codice penale (CP).

Leggi tutto 

Videogiochi & film

Videogiochi e film

In Svizzera, l’elaborazione di un quadro legale in materia di videogiochi e film, nel settore della protezione dell’infanzia e della gioventù, è attualmente di competenza dei Cantoni. Tra questi solo una minoranza ha finora introdotto leggi di protezione in materia. La regolamentazione esistente si basa quindi essenzialmente su misure di autoregolazione adottate dai settori interessati.

Leggi tutto 

Protezione dei dati

Protezione dei dati e della personalità

La legge federale sulla protezione dei dati (LPD) si basa sul principio per cui ogni persona deve poter decidere nel modo più autonomo possibile della divulgazione di informazioni che la riguardano, stabilendo quando, come e da parte di chi possano esserlo.

Leggi tutto 

Telecomunicazioni

Telecomunicazioni

L’articolo 41 dell’ordinanza sui servizi di telecomunicazione (OST) disciplina le questioni inerenti alla tutela dei minorenni in questo settore. Esso obbliga i fornitori di servizi di telecomunicazione a bloccare ai minori di 16 anni l’accesso ai servizi a valore aggiunto a carattere erotico o pornografico. I servizi a valore aggiunto sono prestazioni fornite mediante un servizio di telecomunicazione e fatturate dal fornitore in sovrappiù (art. 1 lettera c OST). Due esempi di tali servizi sono i numeri del tipo 0906 e i numeri brevi per servizi SMS e MMS che iniziano con 6.

Leggi tutto 

{$TEXT.titleCol}