Notificare pornografia

Notificate i contenuti illegali nei media al Servizio nazionale di coordinazione per la lotta contro la criminalità su Internet SCOCI.

 
 
 

Parlare della pornografia

Sul nostro canale youtube potete trovare una cernita di film atti a fornire spunti di riflessione e fungere da base per le vostre discussioni.

 
 
 

Pornografia su Internet e cellulari

Crescendo, gli adolescenti sviluppano una curiosità naturale per tutto ciò che è legato alla sessualità, al proprio corpo e a quello degli altri. Cercando su Internet informazioni che soddisfino la loro sete di sapere, possono imbattersi in contenuti pornografici, anche senza volerlo e prima della loro «prima volta». Può allora capitare che i giovani considerino questi comportamenti come modelli da seguire.

 

Affrontando questo argomento con bambini e adolescenti, in modo adeguato alla loro età, è possibile comprendere le loro preoccupazioni e rispondere alle loro domande. Al contempo, si può favorire il loro sviluppo sessuale armonioso ed aiutarli ad avere uno sguardo critico sulla pornografia, distinguendola dal sesso e dall'amore.

 
 
 

Cosa si sa del consumo di pornografia da parte dei giovani?

 
 

Dallo studio EU-Kids Online (2013; in francese e in tedesco) è emerso che il 21 per cento dei giovani svizzeri tra i 9 e i 16 anni hanno già visto su Internet contenuti a carattere sessuale. Se alcuni di loro consultano volontariamente questo genere di contenuti, ad esempio per curiosità, altri possono imbattersi in immagini o video pornografici anche inavvertitamente, a causa di finestre di pubblicità («pop-up»).

 

I cellulari sono un altro mezzo di diffusione di contenuti pornografici. Il 42 per cento dei ragazzi e il 32 per cento delle ragazze hanno già ricevuto sul cellulare un filmato violento o pornografico. Il 14 per cento dei ragazzi e 1 percento delle ragazze ha già inviato contenuti di questo tipo (studio JAMES 2014). La creazione e l'invio tramite cellulare di contenuti a carattere erotico o pornografico sono denominati «sexting».

 

Secondo uno studio condotto nel 2012 dal consultorio zurighese per l'educazione sessuale Lust und Frust (Lust-und-Frust, in tedesco), la percentuale di giovani uomini che hanno visto film o immagini a carattere pornografico (91 %) è doppia rispetto a quella delle loro coetanee (44 %). I ragazzi hanno dichiarato che la pornografia suscita in loro desideri sessuali – talvolta fino alla masturbazione –, desta la loro curiosità o semplicemente li diverte. Le ragazze, invece, si sono trovate a guardare un film pornografico piuttosto per caso o tramite altre persone. Per quanto riguarda la pornografia dura, i giovani di entrambi i sessi hanno manifestato disgusto.

 
 
 
 

Quali conseguenze negative ha sui giovani la pornografia su Internet?

 
 

Un consumo frequente e regolare di pornografia su Internet può creare nei giovani delle false rappresentazioni della realtà sessuale. Queste comportano un'ansia da prestazione nei ragazzi e spingono le ragazze alla ricerca di un corpo perfetto e alla costante disponibilità sessuale.

 

Da un sondaggio condotto in Svizzera tra gli alunni dalla 6a alla 9a classe (Lust-und-Frust 2012), è emerso che la pornografia suscita frequentemente sensazioni negative di paura e insicurezza soprattutto nelle ragazze, mentre i ragazzi la trovano più spesso eccitante. Tuttavia, tra gli adolescenti interpellati due su tre pensano che i film pornografici non siano assolutamente rappresentativi della realtà.

 
 
 
 

Perché è importante l'educazione sessuale?

 
 

Parlare apertamente di pornografia, sessualità e visione dei ruoli dei sessi aiuta ad analizzare criticamente e a inquadrare le idee e le esperienze nell'ambito dell'utilizzo dei media. Questi sono tanto più influenti laddove mancano le esperienze personali, il confronto con gli altri e una posizione personale ben definita.

 

L'educazione sessuale, sia a casa che a scuola, deve essere adeguata ad ogni età. Aiutati ad affermarsi nella loro identità (sessuale), il loro benessere fisico e la loro sessualità, i bambini e i giovani imparano a conoscere i propri limiti, ma anche quelli degli altri. Un dialogo aperto sulla sessualità favorisce uno sviluppo sessuale armonioso e l'adozione di un comportamento rispettoso nei confronti di se stessi e degli altri. L'educazione sessuale contribuisce inoltre a prevenire le aggressioni sessuali.

 

Su siti quali 147.ch (disponibile anche in italiano), ciao.ch e comeva.ch (in francese), gli adolescenti trovano informazioni di qualità in grado di rispondere ai loro interrogativi e preoccupazioni. Queste piattaforme propongono anche dei forum dove i giovani possono porre le loro domande in forma anonima e ricevono risposte personalizzate da specialisti.

 
 
 
 

Come si possono proteggere i propri figli dai contenuti pornografici?

 
 
  • Secondo lo studio EU-Kids Online (2013), il 39 per cento dei genitori non sa che i figli sono a contatto con questo tipo di contenuti in rete. Interessatevi a quello che i vostri figli fanno su Internet e discutete insieme delle loro esperienze in questo contesto.
  • Affrontate con i vostri figli anche il tema dei contenuti vietati ai minori, come la pornografia. Anche se avete bloccato l'accesso a contenuti pornografici (v. rubrica sicurezza tecnica), i vostri figli possono arrivarci dal computer a casa di amici.
  • Incoraggiate i vostri figli a confidarvi le cose che li turbano o a rivolgersi a un insegnante o un adulto di cui si fidano.
  • Incoraggiando i vostri figli a navigare sul computer o il cellulare in una camera accessibile a tutti, potrete controllare più facilmente i contenuti consultati.
  • Esistono dispositivi di sicurezza che filtrano i contenuti pornografici, ma non garantiscono una protezione perfetta. Per evitare che compaiano pop-up, si può ricorrere ad appositi programmi per bloccare la pubblicità.
  • Controllate che i vostri figli utilizzino solo giochi e video consigliati per la loro età. Imparate a conoscere i contrassegni in base all'età di DVD e videogiochi. Se scoprite immagini pornografiche o violente sul computer o sul cellulare dei vostri figli, cercate di parlarne con loro. Se non vi sentite abbastanza sicuri per affrontare la situazione, rivolgetevi a un servizio specialistico.
 
 
 
 

Qual è il quadro legale relativo alla pornografia?

 
 

Chiunque renda accessibili contenuti pornografici ai minori di 16 anni compie un reato. Per questo, in base a una sentenza del Tribunale federale, i gestori svizzeri di siti pornografici sono tenuti a dotarli di cosiddetti «adult checker», ovvero accorgimenti tecnici per accertare la maggiore età delle persone. Sulla maggior parte dei siti stranieri, invece, nella migliore delle ipotesi appaiono solo delle avvertenze.

 

I minori di 16 anni possono essere perseguiti anche per la creazione e/o la diffusione di (pedo)pornografia. I minorenni che riprendono foto di organi genitali o filmati con scene di masturbazione o atti sessuali di o con persone di età inferiore ai 16 anni producono pedopornografia proibita. A prescindere dal fatto che i contenuti in questione interessino loro stessi o altri minori, questo è vietato e passibile di sanzioni penali. Tuttavia sono esenti da pena i minorenni di età superiore ai sedici anni che fabbricano, possiedono o consumano, con il loro consenso, oggetti o rappresentazioni pornografici che li raffigurano (art. 197, lett. 8 CP).

 

La pornografia dura – ovvero quella che coinvolge bambini o animali o che mostra scene di stupro – è illegale in Svizzera. Se vi imbattete in siti pedopornografici in Internet, potete segnalare gli indirizzi in questione sul sito del Servizio di coordinazione per la lotta contro la criminalità su Internet scoci.ch mediante un apposito modulo di comunicazione. Non scaricate in alcun caso i contenuti e non fate screenshot: queste azioni costituiscono reato.

 
 
 
 

A chi posso rivolgermi per una consulenza?

 
 

Per i genitori e gli insegnanti

  • In caso di abuso sessuale, chiedere aiuto chiamando gratuitamente il 147 (Pro Juventute).
  • Nella nostra banca dati trovate inoltre indicazioni sull'offerta di consulenza nella vostra regione.

 

Per i bambini e i giovani

  • 147.ch: Consulenza gratuita per bambini e giovani – 24 ore su 24, in modo anonimo per telefono, SMS o in rete.
  • Infogiovani: Il portale d'informazione e prevenzione per i giovani del Cantone Ticino – tema «affettività e sessualità»
  • Zonaprotetta.ch: Informazioni sulla sessualita e sulla prevenzione: sito e sportello aperto a tutti, consulenza, attività nella scuola
  • Indirizzi dei consultori per fanciulli ed adolescenti
 
 
 
 

Documenti utili per genitori e insegnanti

 
 

Scheda informativa di Pro Juventute sul sexting:

Artanes.ch – educazione sexuale nella scuola (in francese)

 

Campagna sul sexting da Pro Juventute

 
 
Google+