La piattaforma online per insegnanti «Handyknigge»

Il «Forum Mobil» in collaborazione con LerNetz AG offre sulla piattaforma online «handyknigge.ch» un galateo del telefonino con diverse proposte (alcune anche in italiano) per insegnanti e allievi sul tema della telefonia mobile.

 

Modulo e-learning sulla telefonia mobile

Per approfondire le vostre conoscenze di telefonia mobile e per saperne di più su indebitamento, pornografia e violenza, consultate la pagina Web di «Jugend und Wirtschaft» (in tedesco).

 
 
 

I cellulari a scuola? Gli smartphone a lezione?

Sul website di Educa gli insegnanti possono trovare la guida "Apprendimento mobile" e i dossier tematici.

 
 
 

Cellulari e smartphone onnipresenti

La maggior parte dei giovani svizzeri tra i 12 e i 19 anni possiede un cellulare - 98 per cento, di cui 97 per cento possiede un smartphone. Per facilitare l’organizzazione della vita familiare o per essere raggiungibili in caso di bisogno, molti genitori ne comperano uno già ai bambini piccoli. E ormai, i "semplici" telefonini vengono spesso soppiantati da smartphone, come l’iPhone, il Samsung oppure il HTC. Questi piccoli computer tascabili, muniti di accesso Internet, lettore MP3, foto e videocamera, interfaccia Bluetooth e telefonia mobile, sono molto amati anche fra i giovani.

 

Gli adolescenti utilizzano il cellulare soprattutto per comunicare via SMS o per telefonare, un dato che non sorprende se si pensa a quanto è importante per loro curare il contatto con gli amici. Molti lo usano pure per ascoltare musica, giocare, navigare in Internet, registrare filmati o scattare fotografie.

 

Attenzione ai costi

Per evitare brutte sorprese con esorbitanti bollette del telefonino bisogna stare attenti. Molti giovani inviano perciò filmati e file musicali mediante la funzione Bluetooth, che a differenza degli MMS è gratuita. Molti di loro utilizza, inoltre, le carte prepagate invece dell’abbonamento cellulare, inefficace per il controllo dei costi. Apprendete come evitare brutte sorprese con la bolletta del telefonino anche durante le vacanze.

 
 
 

A che età un bambino può ricevere un cellulare?

 
 

Gli esperti consigliano di aspettare che il bambino raggiunga i 12 anni, prima di dargli un smartphone. Se proprio necessario, l’apparecchio dovrebbe contenere unicamente le funzioni base. Sul sito elternet.ch potete trovare consigli utili a riguardo (solo in tedesco).

 
 
 
 

Ha senso comperare uno smartphone ad un bambino?

 
 

Chiarite le esigenze del bambino e di quali funzioni ha bisogno. Se volete soltanto che sia telefonicamente raggiungibile e in grado di contattarvi, allora sarà sufficiente un "semplice" cellulare.

 

Può presentarsi un problema, quando i compagni di scuola che possiedono uno smartphone prendono in giro quelli con un telefonino "comune", una pressione sociale che rischia di opprimere un bambino. Per evitare che questo accada, i genitori devono cercare di aiutare il proprio figlio a rafforzare la fiducia in sé stesso. Bisogna pensare inoltre che uno smartphone offre un accesso illimitato a Internet e presenta perciò tutti i rischi di un computer, senza però la possibilità di installare come in questo un filtro famiglia. Il bambino deve quindi imparare a farne un uso altrettanto responsabile. Leggete più avanti i consigli in proposito.

 
 
 
 

Opportunità offerte da cellulari e smartphone

 
 
  • La possibilità di comunicare ovunque, di fissare appuntamenti in modo spontaneo o di poter contattare qualcuno in caso di bisogno è particolarmente apprezzata dai giovani.
  • Per molti di loro, il cellulare rappresenta uno status symbol che permette di provare un senso di appartenenza.
  • Il fatto di poter raggiungere le persone in ogni momento facilita l’organizzazione della vita familiare. Basta però che i genitori trovino la giusta misura senza esercitare un eccessivo controllo o credere che il cellulare possa sostituire la loro presenza.
  • Il collegamento mobile a Internet permette di accedere a informazioni, quali orari, e-mail ecc. sempre e ovunque.
  • Allo stesso modo l’apparecchio telefonico diventa una fonte di apprendimento, ad es. per informarsi su una città, un Paese o la sua popolazione o, ancora, per consultare un termine in Wikipedia oppure trovare informazioni su piante o un panorama montano che si hanno di fronte in quel momento.
  • Se i bambini hanno una domanda, i genitori possono subito cercare una risposta insieme a loro.
  • Le numerose apps offrono diverse possibilità di svago quando si è in viaggio.
 
 
 
 

Rischi del cellulare e dello smartphone

 
 
  • Il costo alto delle telefonate e dei download di dati può portare all’indebitamento. Inoltre, la maggior parte delle apps è a pagamento, mentre quelle con funzione push (caricamento automatico sul telefonino di contenuti dal Web, p. es. dati meteo, notifiche di Facebook ecc.) possono causare ingenti spese a causa delle continue e costose connessioni dati, coperte solo da abbonamenti Internet-Flatrate (con tariffa mensile fissa che permette si scaricare dati e navigare in Internet illimitatamente).
  • Attraverso Bluetooth o via e-mail si possono ricevere senza volerlo dati pericolosi o inappropriati (p. es. a carattere pornografico o violento .
  • Il cosiddetto happy slapping consiste nel commettere e filmare con il cellulare o lo smartphone atti di violenza gratuita ai danni di vittime scelte a caso.
  • Si possono scaricare filmati dal contenuto illegale. Per maggiori informazioni sui contenuti illegali e la situazione giuridica cliccate qui.
  • Il «sexting» (combinazione delle parole inglesi «sex» e «texting», spedire un SMS): termine che indica l’uso, sempre più diffuso tra i giovani, di realizzare fotografie o filmati erotici di sé stessi o di altri e di spedirli poi via telefonino ad amici e conoscenti. Queste immagini finiscono spesso anche in Internet, p. es. nelle reti sociali o nelle community fotografiche, dopodiché la loro diffusione risulta inarrestabile. Qualche anno dopo possono poi tornare a galla col rischio di danneggiare la futura carriera professionale o le relazioni personali. Importante: la pubblicazione e la diffusione di fotografie erotiche di minori sono illegali e quindi perseguibili penalmente.
 
 
 
 

Consigli per l’utilizzo del cellulare

  • Date al vostro bambino chiare regole per l’utilizzo del telefonino. Consigli e regole vanno di volta in volta adattati alla sua età.
  • Le carte prepagate vi aiutano a tenere sotto controllo i costi del cellulare, evitando bollette salate. Vi consigliamo, inoltre, di stabilire con il bambino come utilizzare i servizi a pagamento (il download di musica e videogiochi o la navigazione in Internet).
  • Chi possiede uno smartphone può "chattare" e inviare immagini gratuitamente tramite delle app (p. es. «WhatsApp», la messaggeria istantanea di «Twitter» o quella di «Facebook») e risparmiare in questo modo i costi di SMS, MMS e telefonate.
  • Non installate app sconosciute.
  • Parlate con il vostro bambino dei contenuti vietati ai minori (pornografia, scene di violenza, siti di gioco d’azzardo). Infatti, anche se il suo apparecchio è protetto da filtri, egli potrebbe avere accesso a questo tipo di contenuti tramite i suoi amici.
  • Incoraggiate gli adolescenti a confidarsi con voi o con un insegnante di fiducia, se dovessero imbattersi in contenuti inquietanti (p. es. scene di violenza o di pornografia dura) o essere vittime di molestie.
  • Utilizzate i dispositivi di sicurezza disponibili.
  • Scambiate con altri genitori le vostre esperienze nell’uso dei media.
 
Google+