Limiti d'età

 
 
 

01.02.2013

Il Programma nazionale Giovani e media ha presentato oggi la guida «Competenze mediali. Consigli per un utilizzo sicuro dei media digitali». Il manuale, realizzato dal gruppo di ricerca sulla psicologia dei media della Scuola universitaria di scienze applicate di Zurigo (ZHAW), risponde su base scientifica alle principali domande dei genitori sull'utilizzo dei media da parte dei loro figli.

 

«Come si possono proteggere i propri figli da contenuti inappropriati?», «Quali sono i media digitali consoni alle diverse età?», «Quali sono le opportunità e i rischi di Facebook e Co.?», «I bambini sanno distinguere tra realtà e finzione nei media?», «Cosa fare quando si è vittima di cybermobbing?». Come mostra questo breve elenco, la guida «Competenze mediali» risponde a svariate domande sul tema «giovani e media».

 

Il manuale è curato dalla Scuola universitaria di scienze applicate di Zurigo (ZHAW) e dal Programma nazionale Giovani e media, realizzato dall'Ufficio federale delle assicurazioni sociali. I suoi contenuti, molto apprezzati da esperti e genitori per la loro chiarezza e il loro valore informativo, sono stati aggiornati e completati per questa seconda edizione rielaborata. Inoltre, sono state aggiunte indicazioni su pubblicazioni di approfondimento, studi e siti Internet dove trovare materiale di pedagogia mediale.

 

Telefonia mobile, Internet mobile, smartphone

La questione delle competenze mediali è di crescente importanza, poiché i giovani navigano sempre più spesso in Internet con gli smartphone (il più delle volte senza essere controllati). È quanto emerge chiaramente dal secondo Studio JAMES, concluso nel 2012 dalla Scuola universitaria di scienze applicate di Zurigo (ZHAW, v. la scheda informativa). Confrontati con quelli del primo studio, i risultati attuali presentano un impressionante aumento: la percentuale di smartphone tra i giovani è raddoppiata, raggiungendo l'80 per cento. Due anni fa tra i giovani, solo il 16 per cento navigava in Internet ogni giorno o più volte la settimana con lo smartphone, oggi è già il 66 per cento a farlo.

 

Accompagnamento attivo e adeguato all'età

Questo è il principio ispiratore della guida. Il professor Daniel Süss, responsabile del gruppo di ricerca sulla psicologia dei media della ZHAW, sottolinea: «È importante che i giovani acquisiscano un bagaglio di competenze mediali. La guida fornisce informazioni ai genitori e agli insegnanti e li incoraggia ad accompagnare attivamente i bambini e gli adolescenti nell'uso dei media digitali.» È quanto ritiene anche Lucrezia Meier-Schatz, consigliera nazionale PPD e direttrice di Pro Familia: «È fondamentale mostrare ai genitori quali sono le opportunità e i rischi nell'uso dei media. Se, infatti, i genitori comprendono il ruolo importante dei media nella vita quotidiana dei figli, allora possono guidare e accompagnare meglio questi ultimi nell'utilizzo quotidiano degli stessi.» Idealmente, l'accompagnamento deve iniziare il più presto possibile: dallo Studio JAMES emerge, infatti, che il 14 per cento dei bambini tra i 6 e i 7 anni possiede già un cellulare.

 

La guida è accompagnata da un opuscolo che riassume i consigli fondamentali per un utilizzo sicuro dei media digitali in 10 regole d'oro.

 
Google+